Gerardo, padre di Pablo, disabile cognitivo e motorio, si ritiene “impreparato” ad affrontare la questione della sessualità del proprio figlio. Secondo Gerardo sarebbero necessari degli specialisti che aiutino la famiglia a trattare il problema. “Io non so da dove cominciare – continua Gerardo – un’assistente sessuale sarebbe utile, io per primo la ascolterei, vorrei saperne di più”.

Servizio di “FaiNotizie”.